Qualcosa

Qualcosa-Chiara Gamberale

Qualcosa, romanzo di Chiara Gamberale, parla al nostro “Io” interiore e lo fa come se fosse un bambino, grazie anche alle illustrazioni di Tuono Pettinato.

Come sempre, per me, leggere un libro di Chiara Gamberale è come fare una seduta dallo psicologo, perché mi permette di riflettere su certi comportamenti, in realtà non solo miei, cercando di capirne l’origine e le conseguenze che possono portare.

Protagonista della storia è la Principessa Qualcosa di Troppo, che da quando è venuta al mondo non ha mai avuto limiti: piange troppo, ride troppo, mangia troppo, urla troppo, vuole troppo… Insomma, è davvero Troppo!

I suoi genitori, la Regina Una di Noi e il Re Qualcuno di Importante, sono molto preoccupati per l’incontenibile figlia, che non riesce ad integrarsi con i suoi coetanei, i Bambini Abbastanza, che si “accontentano” di andare a scuola, uscire a giocare, mangiare e dormire, sentendosi felici abbastanza e, a volte, abbastanza annoiati.

Ma la vita si sa, non risparmia nessuno dal dolore e così anche per la Principessa Qualcosa di Troppo arriva il momento di viverlo. Un grave lutto la costringe a fare i conti con una sconcertante sensazione che mai aveva provato prima: avere un buco nel cuore.

Doveva trovare un modo per liberarsi di quel buco.

Una soluzione.

Perché faceva troppo, troppo male il buco.

Anzi, no! Peggio!

Il buco… non faceva niente.”

Vi è mai successo di provare un dolore così forte da bloccare tutto? A me sì.

Nessuna lacrima. Nessuna emozione. Nessun sentimento.

Cosa fare?

Devi passare di lì. Viverti quel dolore, perché solo attraversandolo potrai aggiustare il tuo cuore.

Ma Qualcosa di Troppo ancora non lo sa e allora fugge. È proprio durante questa folle fuga che conosce il Cavalier Niente, un buffo personaggio che sembra un vecchio o forse un bambino, che NON fa tantissime cose – complice la fidata amica Madama Noia – e il quale insegnerà alla Principessa a fare pace con quel buco, a prendersene cura.

Ma l’esuberanza e la sete di fare, fare e fare di Qualcosa di Troppo, torneranno a farsi sentire, perché non pensate sia facile accettare di fermarsi, ascoltarsi veramente e scoprire chi siamo attraverso il Dolce Far Niente.

Corriamo per tutta la vita, credendo sia l’unica soluzione per diventare Qualcuno, quando ogni tanto dovremmo fermarci per capire chi siamo e cosa vogliamo veramente.

Come sempre rischio di svelarvi troppo, ma è il rischio che si corre quando si parla di Qualcosa che ci piace e di cui vorremmo parlare…Troppo!

Buona lettura!

Roberta

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *