Stelle della mia terra

Nel cielo stanotte

rivivono sciami

di desideri sfumati

in latitudine

di giorni lontani

 

in parallelo

esaltano un punto

fermo in memoria

che mi reclama al cuore

dei luoghi vissuti

 

a passi ideali

rivivo il verde crinale

per scollinare

dai moti adeguati

alla lunga distanza

 

e finalmente rincaso

in pianura, nel lieve

planare dell’orizzonte,

alla culla di ulivi e alle torri

di protezione alle coste

 

alla nicchia strettasi

al porto per ammirare

i tuffi spavaldi del sole,

alla spiaggia innevata

da bianchi spruzzi di roccia

 

e al mosso del mare

al suo agitare ricordi

nello specchio di cielo

che stanotte regala

fughe striate di sale.

 

Asso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *