Lascia che sia io i tuoi occhi – Alessio Biagi

 

11062254_10205012891433661_8642383196668971204_n

Da settimane giravo per casa con un libro sottobraccio , decisa a riprendere il vizio della lettura, ma ogni scusa era buona per rimandare, non perché non fosse un bel romanzo, ma semplicemente perché non era il suo momento.

L’incontro con quello giusto è arrivato la scorsa settimana, mentre io e Martina stavamo pubblicizzando un’iniziativa  letteraria, che ci ha portate dritte dritte in libreria.  Così ci siamo imbattute in “Lascia che sia io i tuoi occhi” di Alessio Biagi e ho deciso che sarebbe tornato a casa con me.

Con questo romanzo, l’autore  ci regala   un paio di comode scarpe per viaggiare nel tempo e nello spazio, fino ad arrivare a Boulder (Colorado), nel lontano 1969 – anno del primo allunaggio, dell’invasione hippie e nel vivo  della guerra in Vietnam – ospiti della famiglia italo-americana dei Capoluongo, il cui gioiello è l’unica figlia femmina, Maria, diciassettenne di una dolcezza e bellezza disarmanti.

Con Maria assaporeremo la magia dell’inverno di Boulder, condivideremo  la sua voglia di fuggire da quella famiglia, in cui il padre alcolista e il fratello maggiore Nino ( pazzo o presunto tale ) non conoscono il linguaggio dell’amore, ma solo quello della  violenza; sogneremo con il suo amore semplice e pulito per Johnny, figlio dei fiori mal visto in città, soprattutto dalla famiglia Capoluongo, e sarà per lei i suoi occhi; godremo di quella libertà che Maria otterrà dopo la scelta più difficile della sua vita.

Grazie a Johnny e  Maria , gireremo  per l’America hippie, a bordo del Freedom Bus, alla volta  del mitico concerto di Woodstock, che ha segnato la storia del rock.

Quanti di noi hanno sognato di assistervi, di poter ascoltare dal vivo e tutti insieme , giganti del calibro di  Janis Joplin, Jimi Hendrix , The Who e chi più ne ha più ne metta? Questa è l’occasione per esserci, perché  le parole di Alessio Biagi ci catapultano nell’atmosfera di quei giorni, descrivendo in modo vivido i  3 Days of Peace & Rock Music .

Ma cosa accadrà  a Boulder e alla famiglia Capoluongo con l’assenza di Maria?

Quali conseguenze porterà la sua fuga?

 

Per rispondere a queste e ad altre mille domande, che io per prima mi sono posta, mentre le pagine scorrevano, non vi resta che prepararvi a partire per un viaggio nella storia, nella musica e nella vita di una semplice ragazza che , ne sono certa, vi conquisterà!

Roberta

 

1 comment for “Lascia che sia io i tuoi occhi – Alessio Biagi

  1. francesca
    7 Dicembre 2014 at 19:59

    così non vale! ho tre libri sul comodino! non puoi mettermi curiosità per un altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *