Curiosando tra le pagine del Blog

Ritorno al passato!

Cosa può fare il potere della rete e di Facebook in particolare! I cittadini di Carrara, stanchi di vedere la loro città sempre più vuota, buia e dimenticata, hanno deciso di organizzare un bell’”Amarcord” in via Roma, la via principale della città. Così è partito il tam tam sul gruppo di Facebook “Sei di Carrara se…” e, finalmente, la città…

Fermate gli Sposi! – Sophie Kinsella

Chi di voi ha letto la mia presentazione ne “Il viaggio dell’eroe” sa già che ultimamente ho vissuto a Dublino. Però non molti sanno che, prima di partire, ero disperata e non volevo assolutamente lasciare l’Italia (Ah, che stupida!). E piangevo. Direi che ho pianto per tutto il mese di Settembre, per tutto Ottobre (sono partita il 26) e ho…

La Regina delle Mimose

Salgo sul treno per Viareggio e cerco posto in uno dei primi vagoni. Appena entro non posso far a meno di sorridere, vedendo una signora sulla settantina che è una vera esplosione di mimose. L’8 marzo si avvicina e immagino sia una venditrice ambulante. Prendo posto sul sedile dietro al suo e me ne dimentico, presa dal “mio” romanzo,”La fata…

In trappola

Immagini di supereroi rivestono le pareti della stanza mentre pupazzi e macchinine restano sparsi sul parquet chiaro. La donna è sdraiata nel letto del figlio. Affonda il viso nel cuscino e viene catturata da un ricordo

Twitta, Whatsappa e …

Lo sapevo, Twitter mi ha stregata! Non perché sia diverso da qualsiasi altro social network, ma perché vedere i “followers” che aumentano, ritwittano quello che hai scritto, interagiscono con te, senza neppure conoscerti, ma solo perché hanno apprezzato quello che volevi comunicare, dà alla testa. Ieri sera io e Martina sembravamo due invasate : abbiamo passato la serata su Facebook…

Nella sala d’attesa

Ero nella sala d’attesa di un noto studio pediatrico. Oltre a me c’erano due padri con figlie e una madre con due figli maschi. Le bambine giocavano ognuna col proprio cellulare. I loro padri, seduti accanto a loro, stavano con lo sguardo fisso sui propri telefonini. La mamma controllava i messaggi sull’Iphon mentre uno dei suoi figli giocava con una console portatile. Un silenzio surreale per essere in uno studio pediatrico.

“Il paradiso degli orchi” Daniel Pennac

Avevo 18 anni la prima volta che ho provato a leggere questo romanzo, il primo che vede come protagonista Benjamin Malaussène. Purtroppo lo trovai troppo difficile per le numerose digressioni, le descrizioni ricche di dettagli e le similitudini che spesso non riuscivo a capire e lo abbandonai, delusa, dopo solo poche pagine. A distanza di anni (ben 12!) ho deciso…

Dedicato

In una fotografia datata, una giovane donna castana, un po’ rotonda, con un viso paffuto e sorridente abbraccia un uomo bellissimo. Alto e robusto, colpisce soprattutto per il volto, che non ha nulla da invidiare ad un attore del cinema. Strano. La ricordavo più magra, più chiara di capelli, forse addirittura più bella, ma con lo stesso sorriso e con…

Attimi

In un cafè, nella periferia di Roma, Claudia si guarda attorno. Vede uomini che parlano, l’insegna del ristorante di fronte, delle auto che si incolonnano, e poi tutto cambia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: